martedì 1 maggio 2012

RICETTE POLITICAMENTE S-CORRETTE: “TROTA AL CARTOCCIO LEGA-ta”



Mannaggia Bossi ha dato le dimissioni dalla LEGA e poi anche suo figliolo Renzino, alias "er  TROTA".
Ebbene, mi sovviene  una domanda:  Che ne sarà di  lui povero coccodipapàsuo?





... Beh, le trote, dopo che sono state LEGAte all'amo, vanno cucinate...

 Ad esempio,  "al cartoccio" che, come si dice a Roma (ladrona), è  la morte sua!

 Ecco la ricetta doc.

“TROTA AL CARTOCCIO LEGA-ta”
 

Preparazione:
 1- Pulire accuratamente la trota e poi srotolare un LEGAccio.

2- Mettere, all’interno alcuni pezzi d'aglio, aggiungere un po' di sale, un rametto di prezzemolo ben LEGAto e un paio di cucchiai d'olio d'oliva.

3- collocare la trota  sulla carta da forno, aggiungere ancora un po' d'olio d'oliva e chiudere bene il cartoccio, LEGAndolo con uno spago.
Infornare a 150°.

Prima di servire, TAGLIARE LA CORDA che lo LEGA e aprire il cartoccio.
E poi... Voilà!

Sorpresa!!!

La TROTA  apparirà cotta a puntino ma... Ma avvolta in bigliettoni da 1.000 euro LEGAti stretti stretti!

Consiglio: Prenderli subito, sLEGAndoli, e andare via fischiettando e facendo finta di niente...
Insomma, come una vera trota  sLEGAta!

Ah, dimenticavo: la "TROTA AL CARTOCCIO LEGA-ta" può servirsi a tavola mettendole in bocca una MARGHERITA...



Ma non siate malevoli, lo si fa soltanto perché è primavera...

 
Parola della Cuoca Itagnola!


Nessun commento: