venerdì 5 agosto 2011

5 AGOSTO A ROMA: IL MIRACOLO DELLA MADONNA DELLA NEVE


Il 5 agosto, sulla piazza di Santa Maria Maggiore, nel Colle Esquilino di  Roma, si celebra da qualche anno la Madonna della Neve con una nevicata di neve artificiale  per ricordare un miracolo leggendario.




Si narra che verso la metà del secolo IV dopo Cristo viveva nella capitale un patrizio ricchissimo e molto devoto.

Non avendo eredi aveva deciso di dedicare tutta la sua ricchezza per un'opera in onore del Signore, ma non sapendo come fare pregava la Madonna perchè lo illuminasse: finchè una notte, fra il 4 e il 5 agosto, la Vergine  gli apparve  ordinando  di costruire una chiesa nel luogo dove il giorno seguente avesse trovato la neve caduta di fresco.




Nella stessa notte papa Liberio aveva avuto la stessa visione e lo stesso ordine dalla Madonna. Ma come poteva cadere la neve in agosto in una città torrida come Roma? Solo un miracolo lo avrebbe permesso!

Ebbene, era appena l'alba quando  corse per la città una voce: "Sull'Esquilino ha nevicato! C'è un manto di neve!".

Papa Liberio e il patrizio si recarono subito sul colle scoprendo commossi che  la neve c'era per davvero e delimitava uno spazio adatto per costruire una grandiosa basilica.

Grazie ai finanziamenti del patrizio il pontefice, tracciato un solco rituale, potè innalzare la primitiva basilica detta in suo onore Liberiana.

Ma più tardi Sisto III, poco dopo il concilio di Efeso dell'anno 431 che aveva proclamato il dogma della divina maternità della Vergine,  la dedicò  alla Madonna della Neve.




E molto dopo, nel 1568,  in ricordo  della leggendaria neve d'agosto, s'istituì la festa della Dedicazione di Santa Maria Maggiore: durante la messa nella cappella Paolina della basilica si faceva cadere sui fedeli una "nevicata" di fiori.



 
Invece   a  Bacugno,  un paese della Sabina nell'alta valle del Velino, in occasione della festa della Madonna della Neve si traccia un solco dritto  di  due o tre chilometri: si tratta in realtà di un rito precristiano di ringraziamento per il raccolto che inaugura il ciclo propiziatorio dell'aratura e della semina.

La festa è denominata “Santa Maria della neve ed il Toro Ossequioso” per mettere in risalto la prerogativa pagano religiosa della festa. La celebrazione religiosa si intreccia ai riti pagani di origine pre-romanica e rappresenta un evento di particolare attrazione nel panorama delle tradizioni popolari del centro Italia.



Ma ritornando a Roma, non perdetevi questa sera lo spettacolo della nevicata sulla Basilica di Santa Maria Maggiore.

Ma per coloro che non potranno andare cliccate qui.



 
Ah, e tanti auguri  alle tante  donne che, specialmente in Spagna, si chiamano Maria de las Nieves o semplicemente Nieves in onore della Virgen de las Nieves, molto popolare nelle Isole Canarie!


2 commenti:

Tamtam ha detto...

quest'anno, visto che rimango a Roma, avevod eciso di andare a vedere il "miracolo della neve" a Santa Maria Maggiore...ecco mi sono dimenticata, si può essere più scemi? no, però grazie a uqesto bel video che tu hai segnalato, l'ho visto...

cooksappe ha detto...

un miracoloooooo!