lunedì 1 novembre 2010

VERRÀ LA MORTE E AVRÀ I TUOI OCCHI: MEMENTO



"Allora Almitra parlò dicendo:
Ora vorremmo chiederti della Morte.

E lui disse:

Voi vorreste conoscere il segreto della morte.
Ma come potrete scoprirlo se non cercandolo nel cuore della vita?

Il gufo, i cui occhi notturni sono ciechi al giorno,
non può svelare il mistero della luce.

Se davvero volete conoscere lo spirito della morte,
spalancate il vostro cuore al corpo della vita.

Poiché la vita e la morte sono una cosa sola,
come una sola cosa sono il fiume e il mare".

(Sulla morte di Kahlil Gibran)






In memoria di:

 Alfredo Cattabiani, mio marito,
Amalia Fuentes, mia madre,
Angelo Berna, mio compagno e  padre di mia figlia,
Gabriel Cepeda Fuentes,  mio fratello,
Sylvana De Riva, amica dolcemente cara
e, inoltre, il carissimo amico
Bruno Bracci che il 29 ottobre scorso ha prematuramente raggiunto suo figlio.


Ma anche di tutti coloro che abbiamo amato e ora sono assenti.





3 commenti:

acquaviva ha detto...

hai ragione, questo è solo un giorno di rispetto, di silenzio e di tenerezza...

LA CUOCA ITAGNOLA ha detto...

Eh, sì, cara amica. E' proprio così.

La Gaia Celiaca ha detto...

Ciao!
Scusa tantissimo l’effetto “spam”, ma siamo in poche e abbiamo pochissimo tempo per avvisare tutti di un’importante iniziativa food-blogger contro l'omofobia!
Trovi tutte le info qui e
qui!