domenica 6 dicembre 2009

LE TREDICI ROSE A ROMA: SPETTACOLO DI TEATRO FLAMENCO DELL'ATELIER EL MIRABRAS DI CLARA BERNA


ATELIER EL MIRABRAS DI CLARA BERNA

Spettacolo di Teatro Flamenco

dedicato alle “Tredici Rose” vittime del franchismo
e a tutte le donne che lottano
perché non siano dimenticate dalla Storia



Interpreti:

Clara Berna, Beatriz Prior, Francesca Santini, Libe Irazu
e l’Atelier di Teatro e Flamenco El Mirabrás




(El Mirabràs nelle prove dello spettacolo)


Regia: Gianni Licata

Aiuto Regia: Beatriz Prior
Coreografie: Clara Berna
Testi: Alessia Muroni

Suono: Davide Colella

Costumi: Irene Corda

Progetto Grafico: Elvira De Vico
Ufficio Stampa: Conny Licata
Service per lo spettacolo: Andrea D’Amico

A cura di Marina Cepeda Fuentes

Dal 9 al 13 dicembre 2009, ore 20:30
Complesso Monumentale di San Michele a Ripa
Antica Casa di Correzione Carlo Fontana. Sala Clementina
Via di San Michele 25 – Roma
_______________

INGRESSO A SOTTOSCRIZIONE FINO AD ESAURIMENTO POSTI


PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: 06.8601644-333.22.06.246


(Sala Clementina. Antica Casa di Correzione di Carlo Fontana)

______________

Spagna, 5 agosto 1939: Le tredici rosse


Come andare a morire a passo di flamenco



(El Mirabras nelle prove dello spettacolo con Beatriz Prior)

_________________________

(Le ragazze rosse di Madrid: articolo di Cecilia Martino)


Erano tredici ragazze, quasi tutte minorenni. Sono state incarcerate nella tristemente celebre prigione madrilena di “Las Ventas” per poi essere fucilate, non prima di aver subito ogni sorta di tortura, contro il muro del cimitero dell’Este di Madrid.


Nuda e cruda la realtà dei fatti delle “Tredici Rose” di Madrid, eroine per caso della Guerra Civile spagnola.

Inutile girarci intorno, la storia parla molto chiaro, quando vuole parlare. Peccato però che di queste ragazze se n’è cominciato a parlare solo negli anni Ottanta, quando l’attenzione quasi casuale di un giornalista sulla vicenda delle tredici donne spagnole, ebbe il pregio di diffondere una verità fino ad allora rimasta sconosciuta.





(El Mirabràs nelle prove dello spettacolocon Libe Irazu)


Le donne in questione non erano attiviste militanti antifranchiste dichiarate, erano semplicemente donne operaie, erano sartine, casalinghe, giovani mamme, studentesse, musiciste in erba, sognatrici, piccole donne insomma, che per la loro tenera età vennero poi chiamate popolarmente “le Tredici Rose”.






Il loro crimine era scritto in un colore, loro erano le “rosse”.

Il contorno è ben noto a tutti, è cronaca di una guerra sanguinaria “tra fratelli” che ancora oggi in terra spagnola viene ricordata con grande tormento.


Il ricordo arriva anche a Roma con una rappresentazione di teatro-flamenco che porterà in scena la storia delle Tredici Rose, ispirandosi in particolare, al libro della scrittrice spagnola Angelès Lòpez “Martina la Rosa numero trece”.

Le interpreti, attrici e ballerine di El Mirabràs, maestre della forma d’arte più tipica spagnola – il flamenco – cruda e sanguigna anch’essa come forse nessun altro ballo al mondo, trasformeranno gli ultimi giorni di vita delle tredici ragazze in una macabra cornucopia di gesti e movenze sublimi e subliminari perché di donne sì, si tratta, ma donne che sanno di dover morire fucilate.

(Clara Berna è Martina Barroso)


Protagonista, in particolare, sarà Martina Barroso, la rosa numero tredici, il cui simbolo sono le scarpette ("las zapatillas") da lei stessa ricamate durante i giorni di prigionia, a forma di farfalla affinché chi le indossasse (erano destinate alla nipotina Lolita ) potesse percorrere il sentiero di libertà a lei negato.

(Le scarpette ricamate da Martina Barroso nell'estate del 1939)

Con la regia di Gianni Licata e di Beatriz Prior e con el coreografie di Clara Berna -direttrice artistica di El Mirabrás – le donne in scena promettono di commuovere e coinvolgere con musiche e canti dalle risonanze andaluse ma con in mente il cuore palpitante dell’intero popolo di Spagna.



Dimensione carattere

“Donne in Guerra, Las Zapatillas de Martina”


El Mirabrás - Atelier di Flamenco e Teatro di Clara Berna







Dal 9 al 13 dicembre 2009

ore 20:30


INGRESSO A SOTTOSCRIZIONE FINO AD ESAURIMENTO POSTI

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: 06.8601644-333.22.06.246
____________________________________________________________________

FRA TUTTI GLI SPETTATORI TESSERATI
VERRA’ SORTEGGIATO
UN VIAGGIO- SOGGIORNO ALLE BALEARI
DI UNA SETTIMANA PER DUE PERSONE,
A GIUGNO O SETTEMBRE 2010, OFFERTO DA


“SPAGNAMANIA TRAVEL CLUB”

____________________________________________________________________

1 commento:

acquaviva ha detto...

Che peccato abitare lontano da Roma! Sai se lo spettacolo viene replicato anche a Milano o in altre località del nord?