giovedì 5 novembre 2009

NOVEMBRE E I SUOI PROVERBI I







Il nome di questo mese, novembre, deriva dal latino november, nono mese nell'antico calendario romano che era lunare e aveva dieci mesi.

L'autunno è ormai nella sua pienezza con le foglie morte che svolazzano nei boschi, e il profumo dei suoi frutti maturi: mele, pere e cachi dolcissimi.


Il freddo comincerà a farsi sentire, sicché occorre coprirsi fin dall'inizio, con la Festa di Ognissanti del 1° del mese.
D'altronde un proverbio ricorda che "Per i Santi, l'inverno è a casa propria" , quindi si raccomanda "Per tutti i Santi fuori il mantello e i guanti".





La festa di Tutti i Santi, è un giorno importante per le previsioni meteorologiche, perlomeno secondo i proverbi.
Si sostiene infatti che "Se il giorno dei Santi il sole ci sta, un buon inverno va". Ed è probabile che in alcune zone di montagna prima o poi già si veda la neve: "Per tutti i Santi la neve è sui campi; e per i Morti la neve è negli orti".
Ma se dalle vostre parti non ha fatto freddo ai primi del mese, a poco a poco arriverà senz'altro; infatti i Veneti dicono che : "Ai Santi si vestono i fanti; a San Martino il grande e il piccino; a Sant'Andrea tutta la femèa", e cioè, "Ai Santi si vestono i neonati, a San Martino (11 novembre), i grandi e il piccolino; a Sant'Andrea (il 30 del mese), tutta la famiglia".

Perciò, perché potrebbe anche gelare, la semina dovrebbe essere ormai finita perché si sa che "Fino ai Santi la sementa è per i campi"; e dovrebbero essere stati raccolti i suoi frutti, ormai maturi: "Per la festa di Ognissanti siano i grani seminati e i frutti rincasati".

Certo, oltre alla semina al tempo dovuto, occorre anche che piova almeno un po' perché "Novembre piovoso, campo fruttuoso"; e si sa anche che "Se di novembre tuona l'annata sarà buona", riferendosi certamente alla raccolta del grano.
In ogni modo, sebbene le giornate lavorative nei campi diventino sempre più corte, ancora c'è tanto da fare perché novembre è anche il mese in cui si lavora tanto in cantina per sistemare il vino nelle botti e lavorarlo a dovere: "... Novembre vinaio!", rammenta infatti un detto.
Almeno fino alla festa di San Martino del 11 del mese quando ormai "Ogni mosto è vino".



Ma questa è un'altra storia: ne parlerò a suo tempo.



2 commenti:

Gambetto ha detto...

Grazie per il piacevole excursus di saggezza popolare in merito a Novembre...qualcuno lo conoscevo ma per altri ho fatto tesoro del post :-)
Buona giornata

prof. Perboni ha detto...

Anche per novembre vorrei dare il mio piccolo contributo con
"L'estate di San Martino che dura tre giorni e un pochino".