martedì 7 aprile 2009

SETTIMANA SANTA IN ABRUZZO: ANNO 2009






DISTRUZIONE

DOLORE


DISPERAZIONE







SOLIDARIETÀ





MORTE





SCONFORTO





RASSEGNAZIONE





SPERANZA





RINASCITA





E LA FEDE?







CROLLERÀ ANCHE LA FEDE?


9 commenti:

Anonimo ha detto...

...no,se crolla quella è la fine,,,,,anche se ci si chiede:ma Dio tu dov'eri??dov'eri alle 3,33 di quella maledetta notte ?perchè non hai fermato il tremore delle rocce?..perchè??perchè???...ma poi penso a quanto sia piccolo l'uomo davanti alla forza della natura...e di quante volte l'uomo l'abbia violata....
La passione di Cristo rivivrà nelle macerie degli abruzzesi...patirà,,,soffrirà...ma alla fine Risorgerà..e questa è la Fede.

Anonimo ha detto...

sono d'accordo con questo messaggio!!! Certo RISORGERA'
Letizia

Ciboulette ha detto...

Speriamo di no Marina. Speriamo davvero di no. Anche se non chiedersi PERCHé, in questi casi è davvero impossibile,soprattutto leggendo ogni volta che la terra ha tremato di nuovo....
Un abbraccio, cara Marina.

Mitì ha detto...

E' una domanda terrorizzante, la tua...:-*

La cuoca itagnola ha detto...

E' la domanda che porrei a me stessa se mi fosse trovata nella tragedia abruzzese.
Che risposta dare, cari amici? Non lo so. Forse si può dire soltanto : "Miserere mei Deus.." Pietà di me, Dio...

Bosina ha detto...

No, non crollerà, Marina.
Gesù sulla Croce urlò: "Dio mio, perché mi hai abbandonato?" ma poi risorse dopo tre giorni.
E la terra, mentre lui moriva, tremava.

Ti abbraccio

Rita ha detto...

Ciao, Marina. Spero proprio di no.
Sono vicina con il pensiero e la preghiera a quella povera gente. Anch'io,in provincia di Viterbo, ho sentito molto forti le scosse quella notte.Ciao e Buona Pasqua Rita

Angelsa ha detto...

Messaggio di tenerezza
Una notte sognai di cammimare sulla sabbia accompagnata dal Signore ;
sullo schermo della notte erano proiettati tutti i giorni della mia vita,
guardai indietro e vidi che per ogni giorno della mia
apparivano orme sulla sabbia; le mie e quelle del Signore.
Così andai avanti fino a che tutti i miei giorni si esaurirono.
Allora mi fermai e guardando indietro
notai che in certi punti c'erano solo le mie orme
che coincidevano con i giorni più difficili della mia vita;
i giorni di maggiore angustia, di maggior paura e di maggior dolore...
Ho domandato allora:
Signore, Tu avevi detto che saresti stato con me sempre
e io ho accettato di vivere con Te,
ma perchè mi hai lasciato sola proprio nei momenti peggiori?
Il Signore rispose:
Figlia mia, io ti amo e ti dissi che sarei stato con te lungo tutto il tuo cammino
e non ti avrei lasciata sola neanche un attimo.
E non ti ho lasciato...
Nei giorni in cui tu hai visto le orme di una sola persona
io ti ho portato in braccio.
Anonimo

la cuoca itagnola ha detto...

belle parole Angelsa: sai che lunedì andrò in Sardegna per lavoro? Ma ancora non ho capito dove.