venerdì 17 aprile 2009

RICETTA DA SIVIGLIA: GAMBAS AL AJILLO


Hola!
L'altro ieri nella mia Siviglia dove mi trovavo ho mangiato una delle mie tapas preferite:
LAS GAMBAS AL AJILLO, cioè "gamberi aglio, olio e peperoncino!



Un tipico piatto spagnolo ottimo accompagnato con una coppa di Manzanilla freschissima che favorisce la convivialità.


Ecco la ricetta per 4 amici:

500 gr. di gamberetti freschissimi
1 peperoncino rosso
6 spicchi d'aglio
olio extravergine d'oliva
prezzemolo tritato



Lavate e poi sgusciate i gamberetti schiacciando le teste per far uscire il "prezioso" e roseo liquido che aumenterà il sapore del piatto.

Sbucciate poi gli spicchi d'aglio e tagliatele in lamelle fine nel senso della lunghezza. Scaldate abbondante olio in una padella.
Unite l'aglio, e quando sarà appena biondo il peperoncino a pezzetti.

Aggiungervi i gamberi e una manciata di prezzemolo tritato.
Girate rapidamente finché i gamberi s'insaporiscano.


Salate leggermente e cuocete ancora per 2 o 3 minuti a fiamma vivace, mescolando sempre.
Servite subito in ciotoline singole, accompagnando con pane e del buon vino bianco secco freschissimo oppure, come dicevamo, con la Manzanilla.


Vi assicuro che il pane inzuppato nel sughetto è quasi da... Da "orgasmo labiale!...
Parola della "Cuoca Itagnola"!!!

9 commenti:

Ciboulette ha detto...

Marina, occhio che ti censurano di nuovo!! Ah ah!

Ma mi sa che hai ragione, deve essere troppo buona questa tapas...pur non essendo stata in Spagna poco a poco mi stai facendo appassionare alla cucina spagnola :)

Un bacio!

Labelladdormentata ha detto...

Fantastico! Adoro i gamberi, e credo proprio che quanto prima sperimenterò. Ho letto la ricetta ai ragazzi, che hanno apprezzato molto, quindi....

Etnica ha detto...

complimenti, brava.
ben descritta...
quando l'avrò provata vi racconterò.
ciaooooo

La cuoca itagnola ha detto...

Grazie, amiche: quanto alla censura... Beh, visto l'andazzo con gli uomini meglio raggiungere il piacere con la buona tavola. Sebbene non disprezzerei altri modi, che fra l'altro fanno pure dimagrire... Ah, la primavera, la primavera! Da me si dice che "la sangre altera"!Baci a tutte.

Mercè ha detto...

Si señora, esto es una receta para chuparse los dedos.

La cuoca itagnola ha detto...

Gracias Mercè, y dicho de una catalana me gusta aun màs! Por cierto leo que estas en Figueres, la ciudad de la tramontana màs fria del mundo (la he sentido en mis huesos...) y de "mi" amado Dalì que ho visitado varias veces y donde he comido cosas maravillosas.
Un abrazo.

Angelsa ha detto...

Posso dire il mio pensiero? Questa ricettina è proprio sfiziosa, ho cominciato ad avere l'acquolina in bocca solo guardando le foto. Però non c'è niente di meglio che dividere la "buona" tavola con un "buon" uomo. Ma poi, perchè ti avevano censurata??

Mrjnks ha detto...

ola Marina, ti seguo spesso in radio con molto interesse, sei troppo simpatica quanto brava, oggi mi sono permesso di segnalare il tuo programma nel mio blog in occasione del 100° giro d'Italia e l'idea delle ricette del giro è veramente originle, sei proprio brava, hai trovato il modo di correlare il Giro alla cucina... Mi piace la buona cucina, seguo con interesse lo slow food e la cucina Giapponese, ma i gamberetti che hai proposto sono proprio una tentazione irresistibile, a Catania li trovo sempre freschi, li proverò sicuramente, un abbraccio, Siculamente, Crispino :)

La cuoca itagnola ha detto...

Ciao Angelsa, sono d'accordo con te... Perché la censura? Ancora mi faccio questa domanda: un sospetto però c'è, perchè sono stata "oscurata" proprio il giorno dopo aver scritto sulle donne stuprate...
Crispino siculo della bella Catania, ti ho lasciato un commento sul tuo blog.