giovedì 30 ottobre 2008

DONNA LAPIDATA : CRONACA DI TUTTI I TEMPI












CRONACA DEL PRIMO SECOLO DOPO CRISTO


Accadde in Palestina: Donna accusata di adulterio condannata alla lapidazione

(dal Vangelo di san Giovanni 8,3-11)



« Gli Scribi e i farisei gli condussero una donna sorpresa in adulterio, la posero nel mezzo, bene in vista, e gli dissero:



-Maestro, questa donna è stata colta in flagrante adulterio. Ora Mosè ci ha ordinato nella legge che tali donne siano lapidate: Tu che ne pensi?


Parlarono così per tendergli un'insidia e aver poi un pretesto per accusarlo. Ma Gesù si chinò e col dito si mise a scrivere in terra. E poiché quelli insistevano, egli alzò il capo e rispose:



- Chi di voi è senza peccato scagli per primo la pietra contro di lei.



Poi si chinò di nuovo e continuò a scrivere in terra.





("Cristo e la adultera"; Illustrazione di Paolo Cribadda per la Bibbia; edizioni Paoline)



Udite queste parole, se ne andarono tutti, uno dopo l'altro, cominciando dai più vecchi.

Rimasero soltanto Gesù e la donna che continuava a stare lì, in piedi.


Allora Gesù, alzatosi, le chiese:



-Donna, dove sono i tuoi accusatori? Nessuno ti ha condannata?


Rispose la donna:


-Nessuno, Signore.


Le disse Gesù:


-Neppure io ti condanno, va e non peccare più »








CRONACA DEL VENTUNESIMO SECOLO DOPO CRISTO


Accadde in Somalia: Donna accusata di adulterio condannata alla lapidazione

(dai giornali del 28 ottobre 2008)





La giovane donna, Asha Ibrahim Dhuhulow, col capo coperto da un velo verde e una maschera, è stata condotta sul luogo del supplizio dove è stata infilata in una buca fino al collo.

Per tre volte i suoi carnefici l’hanno tirata fuori per verificare se fosse morta.


E quando i parenti furenti si sono scatenati, le guardie hanno aperto il fuoco e un bimbo è rimasto ucciso...




Asha Ibrahim Dhuhulow è stata sepolta fino al collo e lapidata fino alla morte per 50 uomini, davanti agli sguardi di centinaia di persone su una importante piazza di Chisimaio, città portuale in Somalia meridionale.






Asha Ibrahim Dhuhulow aveva solo 23 anni, ma un tribunale fondamentalista delle deposte Corti islamiche aveva ordinato la macabra esecuzione.










BASTA!!!!!!!!!!










Dove eri Gesù?


2 commenti:

marcella candido cianchetti ha detto...

bellissimo articolo m'era sfuggito ciao

La cuoca itagnola ha detto...

Grazie Marcella, ma avrei preferito non scriverlo...