martedì 12 agosto 2008

IL MIO PREZZO...

Tutti abbiamo un prezzo?


Forse...



Anzi: sono convinta che tutti abbiamo un "prezzo"; che tutti noi siamo disposti a "venderci" per qualcosa o per qualche persona...









E senz'altro la Cuoca Itagnola ha un prezzo!!!







Ebbene sì, anche Lei ha un prezzo: nonostante si sia sempre sentita una personcina a modo, "integra", "tutta d'un pezzo"....



Eppure... Eppure, anche lei è disposta a "vendersi"...



E per cosa?




Quale è dunque il prezzo della Cuoca Itagnola?



UN CESTINO DI FICHI MATURI, APPENA COLTI, DA MANGIARE PER LA PRIMA COLAZIONE!!!










Come ho fatto questa mattina, con questi meravigliosi fichi che ho raccolto dal mio amatissimo albero, qui, nel giardinetto di Santa Marinella, mordendoli uno ad uno, con sommo diletto, piano piano, fino a raggiungere un piacere labiale infinito...












Purtroppo non sono l'unica ad amare alla follia i fichi e devo difenderli dalle incursioni piratesche degli uccellini, merli, passerotti, garze di passaggio...




E perciò mi sono comperata questo "spaventoso" spaventapasseri!














Ma credo che non spaventi nessuno perché ogni mattina trovo i miei fichi morsicati mentre i miei gatti, specialmente Picasso e Carlito, s'arrampicano per i rami per osservare lo spaventapasseri da vicino e, naturalmente, buttando giù i fichi più maturi.









(Picasso mentre guarda impunito dal fico)















E mentre sgrido i gatti per farli scendere, il sole comincia a scaldare i fichi e la goccia di miele (ma che bonta!) si scioglie mettendo in pericolo la mia colazione: insomma, una vera lotta, credetemi!








Ma quando finalmente mi siedo in giardino con il mio vassoio della colazione - caffè latte, succo d'arancia, fette biscottate con marmellata di limoni (fatta da me, naturalmente)- e il cestino di fichi, sento che sto per raggiungere la voluttà più voluttuosa, dimenticando persino il prurito del mio braccio causato dalla maledetta medusa!!!




D'altronde una come la Cuoca Itagnola, terrona, totalmente terrona; nata in piena estate nel Sud, a Siviglia, la città che più a Sud non ci può essere, come può non amare i fichi, il frutto dell'estate per eccellenza, il frutto del Sud?


E a proposito di prezzo: avete anche voi uno?




7 commenti:

luana ha detto...

Comincio col dirti che Picasso è una meraviglia di gatto,proseguo con l'avvisarti(ma l'hai pure capito da sola)che non ha proprio un'espressione terrificante il pupotto ;-)
I fichi,li ADORO!!!Quando vado dal mio babbo li raccolgo pure io dalla pianta...che gusto e che polpa,mi hai fatto venire l'acquolina...Ciao un abbraccio Luana

La cuoca itagnola ha detto...

Cara Luana lo so che il mio spaventapasseri non spaventa nessuno! Sono contenta che anche tu ami i fichi, ma non mi hai detto qual'è il tuo prezzo... Sempre che tu lo habbia.
Bacione

Ussaro ha detto...

Come ti capisco.
Anch'io ho un piccolo giardino con albero di fico (un tempo ogni casa aveva un piccolo albero di fico), oggetto di perfidi attentati da parte di un vicino ottuso, che ha cercato con le scuse più stupide di tagliarlo, danneggiandolo.
Questo fico non si arrende.
Quest'anno in ritardo dà i suoi frutti prelibati in misura inferiore agli anni precedenti, ma ancora resiste.

Non sono fichi neri come i tuoi, ma sono comunque squisiti.

Gli uccelli arrivano, ma io li lascio fare, dopo aver raccolto la mia razione.
Anche se mettessi uno spaventapasseri non servirebbe (uno come il tuo, invece, li attirerebbe per simpatia...), tanto vale che vengano a beccare (sono sicuramente meglio loro del vicino un po' imbecille, un po' invidioso).

luana ha detto...

Il mio prezzo? La pizza margherita appena sfornata dal forno a legna,bordo croccante e interno morbido,con l'origano quello vero,profumatissimo,mangiata rigorosamente con le mani...non ne lascio mai neanche un pezzetto,mentre noto che spesso molti lasciano il bordo(per me è il più buono invece)
però pure io la faccio buona èh?Con il lievito di birra e impastata rigorosamente a mano...la mangerei pure a colazione!
ok ora basta sennò mi rivien l'acquolina:-) Ciao e buon ferragosto a tutti!!! Che bello poi si va verso l'autunnoooooo...

LA CUOCA ITAGNOLA ha detto...

Salve ussaro, insomma, gli amanti dei fichi aumentano.
La tua pizza Luana sembra buonissima da come la descrivi ed è un buon "prezzo"... Anche a me piaciono i bordi e non capisco coloro che li lasciano (fra cui mia figlia!) Buon ferragosto anche a voi!

Sonia ha detto...

Cómo que no se puede ser de más al sur?... y qué me dices de Cádiz? :). Me gusta tu blog, ya me pasaré más a menudo y aprovecho que estoy aprendiendo el italiano. Ci vediamo!
Por cierto, a mí también me pierden los higos (o brevas, que es más de aquí)

la cuoca itagnola ha detto...

Mujer, me referia al sur como Andalucia, para que lo entiendan aqui en Italia: ya se que Cadiz la plateada es aùn màs sur.
Ho Sonia, gracias por tu visita iré también a curiosear en tu blog. A proposito porqué tiene un nombre italiano: tu de donde eres?