martedì 8 gennaio 2008

PICASSO FA LE LINGUACCE


Ma no: non mi fa le linguacce il mio gattino Picasso. Credo sia soltanto un po' arrabbiato al suo ritorno dal veterinario dove -ahi lui! - è stato castrato...

Mi è sempre sembrato una vera e propria crudeltà privare cani o gatti della propria sessualità... Ma che fare? Fosse per me lo avrei lasciato accoppiare con tutte le gattine che trova. Ma poi? I cuccioli di gatto non li vuole nessuno e io ne ho già abbastanza: ora, oltre ai miei tre fissi (Dalì, Lorca e Picasso) ho in "affido" quello di mia figlia, un simil certosino di nome Carlito, malaticcio, magrolino e iperattivo. Poi ci sono quelli del circondario che vengono a saccheggiare le scodelline dei miei.

E ultimamente è arrivata la dolce Lucrezia, una gattina randagia, grigiastra che ogni sera giunge veloce nel mio giardino per mangiucchiare e giocare con Picasso: credo sia in calore perché altri gatti sono arrivati dietro di lei.

E perciò, consigliata dal veterinario, Picasso è stato castrato ora. Altrimenti per San Giuseppe mi sarei trovata altri gattini in giro; oppure Picasso (probabilmente il preferito di Lucrezia) avrebbe dovuto lottare contro gli altri pretendenti o sarebbe fuggito per poi ritornare ferito, come è accaduto ad altri miei gatti.

Ma un po' in colpa mi sento: povero Picasso che non conoscerà mai le gioie dell'amore ... E pensare che il suo omonimo, il Pablo Picasso, pittore di Malaga, ha avuto figli persino quando era ormai anziano!
Che mondo cane; anzi gatto!

5 commenti:

Anonimo ha detto...

ma no Marina...hai fatto la cosa giusta,già l'hai detto tu che i cuccioli poi non trovano casa facile e soprattutto persone come noi tanto sensibili al loro benessere!!!Comunque gli animali non si accoppiano per provare piacere...non sono come noi umani,almeno così mi hanno sempre riferito i miei veterinari,diciamo che in questo modo gli allunghi la vita a Picasso, visto che eviterà scontri e possibili malattie...Sei davvero una donna dal cuore d'oro e gli animali sentono questo e si "passano parola"così te ne arrivano sempre di nuovi;-)Il mio primo gatto era uguale a Picasso,trovatello buttato fuori da un'auto..l'avevo chiamato Magno,è finito anche sotto a una moto,però è riuscito a scamparla,pur con 2 zampe rotte!!! è si,era proprio un grande il mio Magno!!!:-)
ecco una bellissima frase di Mark Twain...
"Se fosse possibile incrociare l'uomo con un gatto, la cosa migliorerebbe l'uomo, ma di certo peggiorerebbe il gatto"...
Ciao dolcissima"gattara"...Luana

LA CUOCA ITAGNOLA ha detto...

Certamente, Luana, il mio Picasso vivrà più tranquillo ed eviterà scontri e ferite, ma...
Non sono d'accordo con i tuoi veterinari e neanche con i miei che dicono lo stesso: io sono sicura che gatti e cani sentano l'amore, almeno quello fisico dell'innamoramento immediato, quasi come noi umani.
Ricordo ancora il mio vecchio e bellissimo gatto Mao, un certosino stupendo che ha vissuto 18 anni con noi, quando, persino già castrato, si era innamorato della gattina bianca delle suore di clausura, nostre dirimpetaie a Viterbo...
Lei lo guardava maliziosa dall'alto del muretto che ci separava dal convento di Santa Giacinta; lui faceva le fussa ammirandola con l'adorazione negli occhi...
E quanta rabbia e dolore c'erano in quegli occhi dorati quando un gattaccio giallo, sempre delle suore, suo nemico, montò la gattina proprio davanti a lui, sul muretto!
Ebbene, da quel momento, Mao ebbe un compito fisso ogni mattina: dopo colazione andava in giro a combattere contro il "giallo"! Finchè un giorno...
Un giorno Mao ritornò con tanti peli gialli sotto le unghie e qualche graffio.
E quello stesso giorno le suore mi dissero che avevano trovato morto il "giallo" nel loro giardino, pieno di graffi e morsi!
Mao aveva lavato l'onore della sua innamorata!

Anonimo ha detto...

in effetti nessuno può dire con certezza cosa provano gli animali...io preferisco comunque garantire loro la salute...davvero una bella storia quella di Mao...però mi dispiace anche per l'altro micio...ciao Luana

caravaggio ha detto...

ma che bello sono una gattofila ed ho un blog di critica e recensioni d'arte che si chiama:http://picassobis.blogspot.com buona giornata

I Gattari ha detto...

Ciao, carissima! Abbiamo risposto "di là" al tuo grido di aiuto ma copincolliamo pure qui; come si dice? Melius abundare quam deficere! ;-) Ecco le istruzioni passo passo:

Vai in blog gattaro, nella finestrella bianca che contiene la stringa. Click destro, seleziona tutto. Ancora click destro, copia.
Entra nel tuo blog, sezione layout. Clicca su "aggiungi elemento pagina" e scegli un elemento "html/java script". Nell'elemento, click destro, incolla.
A questo punto hai copiato la stringa del banner.
Salva l'elemento e controlla l'anteprima del blog. Se è tutto ok, salva.

Se non è tutto ok, ricomincia daccapo, che magari non hai selezionato tutta la stringa.

Se non è chiara la spiegazione, scrivici, che ci riproviamo. :-)

Grattini alla tribù!

=^.^=